admin

Normalmente se si possiede un modem alice, questo è utilizzabile solo con il suo gestore, ovvero tramite tim. Questa guida vi mostrerà un “trucchetto” per far funzionare il modem alice anche se passate ad un abbonamento wind. Seguitemi passo passo e sarete soddisfatti.

Il primo passo è quello di collegare tranquillamente il nostro modem alice al computer come se fossimo ancora con il gestore tim. Per fare questo, utilizzeremo un cavo di rete o in alternativa un cavo usb. Se scegli ethernet, ricordati che il cavo lampeggerà quando sarà collegato correttamente.

Il prossimo passo, è quello di configurare una nuova connessione di rete.Quindi, vai su “start”, scegli “pannello di controllo”, clicca su”connessione di rete”, ed infine “configura nuova connessione”. Dalle varie opzioni, scegli “connessione a internet” e manda avanti. Ad ultimo, scegli “pppoe” (banda larga).

Ora devi scegliere un nome utente e password. Se vuoi puoi utilizzare la funzione “memorizza password”, così da non doverla ricordare. Adesso scegli un nome da dare alla connessione, per distinguerla dalle altere già presenti nel computer. Infine clicca su connetti, ed In pochi secondi sarai connesso alla rete.

Android è un nome molto diffuso, soprattutto tra chi capisce qualcosa di tecnologia e cellulari, come sappiamo, infatti, Android sta pian piano raggiungendo le vette di iOS, sia come funzionalità sia come programmi disponibili.

Da sempre lo store di Apple ha fatto invidia a molti utenti che non avendo iPhone non potevano accedervi e quindi nemmeno scaricare le varie applicazioni presenti, con Android tutto è molto più semplice, e i terminali costano decisamente molto meno rispetto ad un iPhone.

Per Android esistono numerose applicazione ed ogni giorno ne vediamo sempre di nuove, oggi ve ne presentiamo un altra che permette di avere una schermata di blocco e sblocco del cellulare alternativa, con diverse funzioni in più rispetto a quello originale.

L’applicazione di cui parliamo è GO Locker.

GO Locker è un’applicazione gratuita per iPhone che permette di avere sul cellulare una gestione del blocco e sblocco dello schermo molto più avanzata e personalizzabile rispetto l’originale.

Ma più che avanzata sarebbe meglio dire più varia e personalizzabile, GO Locker infatti offre una vasta gamma di temi da cui scegliere, che cambieranno sia l’aspetto della schermata sia il modo in cui potremo effettuare lo sblocco dello schermo.

I temi possiamo trovarli all’interno dell’applicazione e scaricarne di nuovi dal market Android.

Tra le funzioni abbiamo la possibilità di sbloccare esclusivamente la fotocamera, e gli SMS, la possibilità di impostare sfondi personalizzati, e molto altro.

Tra i giochi flash che personalmente preferisco spuntano quelli in cui fattori come forza di gravità e fisica influiscono molto sulle vicende di gioco. Oggi vi presentiamo proprio un altro gioco di questo genere, dove per vincere dovremo fare affidamento alle nostre doti percettive e soprattutto alla dote di prevedere la reazione di diversielementi in base alle nostre azioni.

Il gioco di oggi ci mette in mano un tubo, si esatto, un normale tubo di gomma da cui fuoriesce un getto d’acqua. Come sappiamo il getto d’acqua imprime una certa forza sulla superficie con cui viene in contatto, ed è proprio questo concetto alla base di questo gioco, che prende il nome di Water Werks.

Water Werks è un puzzle game strutturato in livelli, per un totale di 45, suddivisi in 3 difficoltà; facile, medio e difficile.
In ognuno di questi livelli avremo a che fare con delle palline, che a regolari intervalli di tempo fuoriusciranno da una specifica zona, avete presente i famosissimi lemming? Bene, si muoveranno proprio in questo modo.

Ma ovviamente noi non avremo gli stessi strumenti di lemming, ma allo stesso tempo dovremo riuscire a portare a destinazione le varie palline, come? Proprio con il tubo di gomma accennato poco fa.

Nei livelli infatti sono presenti degli ostacoli, questi possono interagire con il nostro getto d’acqua, quindi ad esempio un ponte abbassato potremo alzarlo con il nostro getto, in modo da permettere il passaggio delle palline.

In base al tipo di ostacoli un getto troppo potente potrebbe peggiorare la situazione, per tale ragione bisogna sempre capire la giusta potenza da attribuire al getto e quindi regolarne la pressione utilizzando i pulsanti freccia sinistra e destra della tastiera, ma un getto poco potente avrà di contro un ampiezza maggiore, quindi colpirà più elementi.

Ovviamente all’inizio sarà tutto molto semplice, ma andando avanti le cose saranno sempre più complicate.

Personalmente utilizzavo Gmail Notifier perché pensavo che essendo uno strumento Google avrei avuto il miglior modo di verificare l’arrivo di nuove e-mail sul mio indirizzo di posta elettronica e con un tool sicuramente più avanzato di molti altri da un punto di vista prestazionale e come qualità di opzioni messe a disposizione.

Per chi non ne fosse a conoscenza il Gmail Notifier è un programma che si insinua nella vostra barra delle applicazioni e vi allerta quando, se possedete un account GMAIL e lo configurate opportunamente con i vostri dati di accesso, ricevete nuove e-mail. Risulta essere molto semplice, forse addirittura eccessivamente.

gmailpeeper

GMAIL Peeper invece è in grado di offrire qualcosa in più. Risulta essere palese che si tratti di poca cosa, perhé si basa comunque sui feed RSS di GMAIL per il suo funzionamento, ma ha la capacità di lavorare diversamente sul vostro sistema operativo, creando una lista dei nuovi messaggi rilevati ad esempio, cosa che il GMAIL Notifier non fa, e si può impostare un intervallo per la forzatura del controllo della posta, cosa molto utile se si considera che gli RSS sono fallibili e che a volte le notifiche non arrivano correttamente.

Quindi io ho deciso di disinstallare lo strumento di Google ed installare GMAIL Peeper. Per contro non esiste ancora la versione in italiano, ma a tutto si può rimediare e lo sviluppatore chiede aiuto proprio in merito alle traduzioni non ancora supportate.

Tramite questo link è possibile scaricare il programma.

Il Pong lo conosciamo tutti, uno dei primi videogiochi in assoluti, formato solo da pochi elementi sulla schermo, su uno sfondo nero, simulando una partita a ping pong.

Il Pong è costituito da due barrette verticali, poste alle estremità dello schermo di gioco, i giocatori prendono il comando di una delle due barrette, mentre una pallina rimbalza per lo schermo, lo scopo del gioco è quello di colpire la pallina con la propria barra, in modo tale che questa non rientri nel nostro lato di schermo, se questo accade infatti l’avversario segna un punto.

Oggi il Pong è stato visto e rivisto in tante versioni, graficamente molto più avanzate rispetto al classico gioco in bianco e nero, tuttavia lo stile di gioco è rimasto invariato, lo scopo è rimasto sempre quello, cercare di colpire la pallina con la propria barra, e quindi cercare di segnare punti all’avversario.

Oggi vi proponiamo una nuova rivisitazione del pong, che tuttavia non aggiorna la qualità grafica, tuttavia apporta delle sostanziali modifiche al sistema di controllo, infatti non controlleremo più le classiche barre, questa volta saremo padroni del gioco controllando la pallina.

Il gioco di cui parliamo è Gnope e possiamo online.

Gnope è suddiviso in schermate, ognuna contenente le due classiche barrette, tuttavia sono controllate dalla CPU, mentre noi controlleremo la direzione della pallina con i tasti su e giù.

L’obiettivo è avanzare verso destra fino al termine delle schermate, se invece avanziamo verso sinistra indietreggeremo. Ovviamente più avanziamo e più sarà difficile proseguire.